Giovani - Cassa Rurale Alta Valsugana

ALICE, STUDENTESSA

I miei studi. La nostra Cassa Rurale.


Studiare e Lavorare

Qualunque sia il tuo progetto di vita puoi contare su di noi.

CONTO

Conto AV UNIPAT

AV UNIPAT è il conto corrente per poter accedere al contributo provinciale per il sostegno gli studi universitari.

RISPARMIOLANDIA

Risparmiolandia

Il grande mondo dei piccoli risparmi.

Conto Università

Il conto pensato per gli studenti universitari, ricco di servizi e vantaggi esclusivi.

-/-

Il lavoro è una dimensione fondamentale della nostra vita. Occupa gran parte della nostra giornata, richiede attenzione, concentrazione e dedizione. Sarebbe bello che il lavoro per noi non fosse un sacrificio, ma un modo per realizzarci e per inseguire le nostre passioni. Non sempre è possibile raggiungere questo traguardo, ma rimane senz’altro l’obiettivo a cui puntare.

Se ci troviamo nelle condizioni di poter progettare la nostra carriera, ad esempio perché abbiamo appena terminato gli studi o perché vogliamo dare una sterzata alla nostra vita, ci sono alcuni passi che possono aiutarci a scegliere la strada da intraprendere.

Pensiamo innanzitutto: cosa ci piace fare? Cosa ci fa stare realmente bene? Spesso le nostre passioni possono trovare una declinazione lavorativa. Certo, ci sarà da impegnarsi parecchio, ma la soddisfazione sarà davvero enorme!

In generale, non accontentiamoci di essere “abbastanza bravi”, ma puntiamo a fare il massimo e a dare di più. È un’utopia, ci sarà sempre qualcuno più bravo di noi. Però ci darà la motivazione giusta per impegnarci a migliorare le nostre competenze e la nostra preparazione. Non dobbiamo limitarci a replicare quello che fanno gli altri, ma dobbiamo trovare un nostro personalissimo modo di fare le cose.

Buttiamoci e sperimentiamo. Soprattutto se sono i primi approcci al mondo del lavoro, non dobbiamo avere paura di osare e rischiare. Ci sarà sempre tempo per rientrare nelle righe, ma, finché possiamo, è bene stare sempre un po’ al di sopra.

Il lavoro è una dimensione fondamentale della nostra vita. Occupa gran parte della nostra giornata, richiede attenzione, concentrazione e dedizione. Sarebbe bello che il lavoro per noi non fosse un sacrificio, ma un modo per realizzarci e per inseguire le nostre passioni. Non sempre è possibile raggiungere questo traguardo, ma rimane senz’altro l’obiettivo a cui puntare.

Se ci troviamo nelle condizioni di poter progettare la nostra carriera, ad esempio perché abbiamo appena terminato gli studi o perché vogliamo dare una sterzata alla nostra vita, ci sono alcuni passi che possono aiutarci a scegliere la strada da intraprendere.

Pensiamo innanzitutto: cosa ci piace fare? Cosa ci fa stare realmente bene? Spesso le nostre passioni possono trovare una declinazione lavorativa. Certo, ci sarà da impegnarsi parecchio, ma la soddisfazione sarà davvero enorme!

In generale, non accontentiamoci di essere “abbastanza bravi”, ma puntiamo a fare il massimo e a dare di più. È un’utopia, ci sarà sempre qualcuno più bravo di noi. Però ci darà la motivazione giusta per impegnarci a migliorare le nostre competenze e la nostra preparazione. Non dobbiamo limitarci a replicare quello che fanno gli altri, ma dobbiamo trovare un nostro personalissimo modo di fare le cose.

Buttiamoci e sperimentiamo. Soprattutto se sono i primi approcci al mondo del lavoro, non dobbiamo avere paura di osare e rischiare. Ci sarà sempre tempo per rientrare nelle righe, ma, finché possiamo, è bene stare sempre un po’ al di sopra.

Prima o poi ci siamo passati tutti: stiamo parlando del colloquio di lavoro, il momento in cui ci presentiamo all’azienda da cui vorremmo essere assunti con tante aspettative e molti più timori.

  • Prima di tutto preparati bene sull’azienda presso cui stai per sostenere il colloquio. Certo, non deve sembrare che hai nel tuo archivio un dossier aggiornato con foto e profili dei futuri colleghi, ma neppure che tu non abbia la più pallida idea di quello che fanno là dentro!
  • Tieni sotto controllo l’emotività e l’ansia. In questi casi l’effetto ‘esame’ è scontato. Ti troverai davanti una o più persone pronte a soppesare ogni tua singola parola e ogni tuo singolo movimento. Mantieni il sangue freddo, ma non nascondere troppo le emozioni. Sei agitato? Dillo, ma senza farlo pesare agli esaminatori.
  • Dimostrati sicuro di te, ma non presuntuoso. Devi dimostrare di avere sotto controllo la situazione, di saper gestire i compiti che ti saranno affidati con senso di responsabilità ed entusiasmo. Evita però di porti come “il primo della classe”: fiducia in se stessi non vuol dire presunzione.
  • Sii coerente e non mentire. Al colloquio arriverai con il tuo bagaglio di esperienze, grande o piccolo che sia. Valorizzalo, metti in luce i tuoi punti di forza e quello che vorresti fare. Non vantare, però, esperienze che non hai fatto o caratteristiche che sai di non avere.
  • Dimostrati flessibile, operativamente e mentalmente. Soprattutto se sei una persona giovane, punta sull’elasticità, sulla capacità di adattarti alle situazioni trovando soluzioni nuove e originali.

Che tu sia un libero professionista, un imprenditore o un lavoratore autonomo, devi sostenere dei costi per la tua professione. Strumenti di lavoro, materiali da acquistare, spostamenti incideranno significativamente sui tuoi ricavi. Queste spese, se non gestite in maniera oculata, potrebbero erodere o addirittura annullare i tuoi guadagni.

Come è opportuno muoversi per tenere in equilibrio costi e ricavi? In primo luogo devi elaborare un piano mensile delle uscite, inserendo quelle fisse (affitti, bollette, abbonamenti), quelle ricorrenti (benzina, vitto, materiali consumabili) e quelle straordinarie (ad esempio per l’attrezzatura o per gli investimenti).

L’ultima voce dell’elenco è forse la più difficile da stimare in anticipo, perché esce in parte dalla nostra capacità di previsione. Per quanto riguarda le spese fisse e quelle ricorrenti, però, dovremmo essere in grado di sapere mese per mese a quali costi andremo incontro.

Il nostro grande obiettivo dovrebbe essere quello di accantonare regolarmente una cifra sufficiente a coprire possibili imprevisti, o comunque a permetterci gli investimenti necessari a migliorare la qualità del nostro lavoro.